IN MALAWI E MOZAMBICO AF 110

EMERGENZA CICLONE “IDAI” - LE ULTIME NOTIZIE

Per aiutare queste popolazioni utilizza le seguenti indicazioni. AIUTI TRAMITE: BANCA POPOLARE FONDAZIONE NIGRIZIA ONLUS IBAN: IT23M0503411715000000012639 BIC: BAPPIT21015 CONTO CORRENTE POSTALE FONDAZIONE NIGRIZIA ONLUS NUMERO DI CONTO:7452142 IBAN: IT87V0760111700000007452142 BIC: BPPIITRRXXX IL SITO www.fondazionenigrizia.org CON CARTA DI CREDITO NELLA CAUSALE SCRIVETE: PROGETTO AF 110

ULTIMISSIME

La situazione di Beira (Mozambico) a quasi tre mesi dal ciclone IDAI.

E’ rientrato a fine maggio dal Mozambico P. Leonello Bettini. Un missionario comboniano che ha già passato 48 anni in quel paese e che dopo due mesi di riposo rientrerà ancora. L’abbiamo incontrato e ci ha lasciato alcune notizie che in sintesi riproduciamo.

 

Era a Beira durante il ciclone del 14 e 15 marzo. Vederlo alla TV era certamente una visione allucinante, ma esserci dentro, diceva, è terribilmente peggio. E’ volato via il tetto della nostra casa e poi tutto quello che c’era dentro. Purtroppo non solo la nostra, tutte le case hanno avuto la stessa sorte. Beira era distrutta al 95%. Associazioni private e pubbliche, organismi multinazionali e il governo hanno cercato di intervenire con mezzi di assistenza: viveri, acqua, tende ecc. Anche la popolazione mozambicana non colpita dalla catastrofe , con un esempio di solidarietà non comune, ha inviato moltissimi aiuti e anche personale.

La situazione oggi è migliorata nella città, dove si possono utilizzare delle strutture riparate o ancora funzionanti. Anche in periferia c’è un certo miglioramento. Moltissime persone sono tuttavia ancora nei campi di rifugiati. Chi può cerca di riparare le case alla bell’e meglio, recuperando teli, lamiere, assi per rifare i tetti. Di ricostruzione vera e propria se ne parlerà più avanti. Purtroppo i prezzi dai viveri e di tutti i materiali sono cresciuti a dismisura. La situazione ancora drammatica è quella della zona rurale: non hanno più nulla. Scomparsa l’acqua, hanno seminato le patate dolci, ma occorre quasi un mese per il raccolto. La Caritas diocesana e nazionale intervengono dando dei kit alle famiglie con  riso, patate, sale, farina e altri viveri. Ora arriva il freddo, la temperatura si abbassa. E’ urgente acquistare e distribuire coperte.

Dopo gli aiuti dati per l’emergenza, nella missione dei comboniani della zona di Beira, si sta tentando di costruire una sala polivalente per incontri, ripetizioni scolastiche e nell’emergenza dormitorio. Il costo si aggira sui 30.000,00 €. Inoltre si vorrebbe dare una casa di 4 ambienti a una famiglia di 9 membri che ha perso tutto. Il costo è di circa 8.000,00 €.

La sottoscrizione continua: AF 110 – Fondazione Nigrizia Onlus

“Se la tua mano si svuota per gli altri, la tua bocca sarà sempre piena”(Proverbio della Costa d’Avorio)